Demetria guarda il giorno dopo – opera n. 401-2022

Olio su tela intalaiata a mano, colori industriali e fatti a mano, cm 30×40

1.000,00

“Demetria guarda il Giorno dopo”, opera n. 401-2022 olio su tela cm 40×30. Intelaiata a mano.

Questa tela è stata intelaiata a mano rigorosamente con chiodi e preparata a imprimitura tradizionale, i colori ad olio usati sono sia industriali che macinati a mano. La tela mi è stata donata: un recupero di una sarta che custodiva gelosamente il suo grande rotolo di preziosa stoffa.

Dopo aver realizzato l’imprimitura la tela è stata data alle fiamme, non per bruciarla ma per vedere “che effetto che fa”, osservare il fumo della candela con le sue forme sulla tela bianca. Questo atto ha creato delle perfette imperfezioni sulla base che ha iniziato a prendere vita. Il fumo in eccesso è stato eliminato per poi mischiare il rimanente con i colori (fusione di fuoco e cromia). Nasce così Demetria, fra colori diversi dal solito, e fiamme.

Il suo sguardo Verde Veronese è fisso verso Il Giorno dopo (una piccola opera scultorea in lavorazione). Sono esclusa dal loro dialogo tanto da voler eliminare Demetria con un colpo di straccio e acquaragia, ma penso che forse non sono pronta per accogliere la loro conoscenza per cui, porto avanti la nascita di Demetria per far sì che il loro dialogo continui nell’attimo eterno. I capelli di Demetria sono segnati con il linguaggio Naòm. Chi sia la figura a sinistra non saprei, ma sono abbastanza certa che lo studioso di grafologia, il dott. Angelo Vigliotti, direbbe: il passato.

Cosa direi io? forse sì è il passato, come lo è la perla accanto che ne contiene il distillato, ma è piccolo e leggero, finalmente nudo per come si è svelato, utile che lo sia, per la crescita di ognuno di noi.

Ma questa di Demetria (e non Demetra) che guarda Il giorno dopo, è solo la mia interpretazione da osservatore quale sono divenuta il giorno dopo.