Geotossicologia e arte

Pittura, teatro, architettura e...

Sabato 13 novembre ho avuto il piacere di ospitare Andrea Amato con la presentazione del libro “Geotossicologia l’attuale importanza degli effetti di geopatie e Radon negli spazi abitativi e di lavoro”, edito da ICONE edizioni.

Geotossicologia e arte

Un viaggio fra i nodi di Hartmann, il reticolo di Curry, le respirazioni telluriche.

Abbiamo ascoltato come respira la nostra terra e come possiamo fare per convivere con lei. Cosa è il Radon, come arginarlo e come coesistere con questo gas naturale.

Abbiamo imparato l’importanza degli antichi popoli che ne sapevano più di noi riguardo l’ambiente, accorgendoci che molti studi innovativi sono stati ripresi proprio da così lontano. Le differenze fisiche e posturali che assumiamo a seconda dei luoghi che viviamo e come fare per sintonizzarci meglio con noi e l’ambiente.

Non sono mancate le domande sull’elettromagnetismo,

le armoniche di rete, e su come fare per districarsi in questo mondo sempre più tecnologico… ma per questo avremo più tempo nello specifico perché, per chi fosse interessato all’argomento, il prossimo incontro nello Studio Arte Viola sarà proprio “Casa e Smart Working, disturbi elettrotossicologici e soluzioni” (11 dicembre per info e prenotazioni: info@arteviola.com a.amato@aeteres.com).

La presentazione è stata moderata dall’architetto interior designer Stefania Negrini venuta direttamente da Cagliari per l’occasione. Un architetto che nel suo lavoro ha voluto diversificare e ampliare le proprie conoscenze riguardo gli spazi da vivere .

Un connubio interessante e ancora inusuale fra lavori diversi, ma uniti dallo stesso proposito. Si auspica che possa divenire sempre più comune l’unione di persone con una buona credibilità, una squadra di “costruttori” al completo, con un obbiettivo unico e, ovviamente, completato e accompagnato dalla figura del Geotossicologo, per fa sì che si possa vivere e lavorare in uno spazio sano, in accordo con Gaia.

Ma non è finita qui perché l’apertura di questa presentazione è stata inaugurata da un momento di puro teatro portato dalla figura di Angelo Filippo Jannoni Sebastianini maestro di arte della Parola e maestro del Colore, direttore e fondatore dell’associazione concerti del Tempietto che molti conosceranno, e che ci ha colpito emozionalmente con la sua singolare  interpretazione di alcuni componimenti di Montale e Neruda.

Ovviamente il mio studio (che ormai ha superato l’idea di installazione divenendo un’entità vera e propria), ed io, eravamo davvero soddisfatti. Teatro, architettura, libri, geotossicologia, terra, dipinti e sculture in un dialogo unico perché non c’è settore valido se non è in grado di dialogare con un altro.

E ovviamente non c’è evento che tenga senza curiosi ascoltatori che decidono di donarsi e donarci del tempo per ascoltare cosa accade da qualche parte nella città in una mansarda all’ottavo piano colmo di parole e arte. I primi a dover essere ringraziati.

Ci vediamo al prossimo evento e ricordo che lo studio d’arte viola è sempre aperto su appuntamento.

Viola DM

Un breve momento di Angelo durante la sua performance “Corpo di Donna” di Neruda