Settembre 2011 - Non necessariamente se ci si sente seguiti da un cactus vuol dire che si sia perso il senno, non necessariamente se si sale e scende di continuo da una piccola scala per poi baciare una valigia volante, vuol dire che ci si sia del tutto persi.
In un giorno festivo, (che poteva anche essere feriale), si può anche decidere di attuare un momento surreale e di filmarlo.

Nessuno può sapere cosa ci sia in quella valigia con le ali abbracciata affettuosamente e baciata come fosse la cosa più importante da una donna dal grande cappello e dalla lunga collana.

Sarà proprio forse la valigia a contenere tutte le idee, o la donna col cappello?

Chissà, ma nei sogni accade lo stesso o di più: si abbracciano valigie che volano e, a volte, siamo inseguiti da spinosi cactus in un loop che si ripete all'infinito ma la cosa davvero curiosa è che sembra sempre tutto così estremamente... normale.

In fondo, nell'immaginazione, tutto è lecito visto che è fatta della stessa materia di cui sono fatti i sogni.